Utilizziamo i cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione sulle pagine di questo sito. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.
Per vedere quali cookie utilizziamo e quali sono di terze parti, visita la pagina dedicata. Informativa ai sensi dell'art. 13 D.Lgs. 30 giugno 2003 n.196.

itenfr

Baubeach - La spiaggia per cani liberi e feliciBaubeach - La spiaggia per cani liberi e felici

il titolo ci suggerisce il campo d'azione, che è la Poesia, ma anche l'Arte culinaria, l'esclusività sta nel fatto che queste Poesie, scritte da Patrizia Daffinà, sono state trasformate in istallazioni permanenti da una magnifica Illustratrice, Carola Ghilardi, che le ha dipinte sui tavoli che vengono comunemente usati per mangiare.
L'idea ha preso forma per due motivi importanti: la grande accuratezza nella ricerca del gusto, presso il Ristoro Vegan del Baubeach® , che porta la firma di Rita Ghilardi e di uno staff tecnico d'eccellenza, che vuole dimostrare che la cucina senza sofferenza può essere davvero entusiasmante, oltre che più sana e più creativa. L'altro motivo è la necessità impellente, a detta dell'autrice, di “contagiare la poesia”: la Poesia deve essere nel quotidiano, nelle cose che viviamo ogni giorno, deve essere il motore della energia creativa, la mano sulla spalla quando si è stanchi, la compagna nei momenti di smarrimento. La Poesia è nelle piccole cose, nella cura dei particolari minimi, nel modo di leggere il mondo.

Viaggio verso il bianco lunare
di una mela.
Il dolce
inibito da gocce di limone
arretra.
Pulite e nude
piccole falci di finocchio
con lo zenzero nel cuore
riuniscono i lembi del gusto.
E si parte.
Un volo sul Mediterraneo e sulle coste dell'Africa del Nord
a cavalcioni di una mela .

                                                                                        (a Rita)

La prima cosa che cucinò per me

furono gli spaghetti al Pistacchio.

Pistacchio Iraniano importanto dall'amico Babak

che non mancavano mai in quella casa di Testaccio.

La prima cosa che mi venne in mente fu

quanta vita era contenuta tra quelle mura

tra quei libri e colori.

Amici che andavano e amici che partivano

artisti, cineasti, attori.

Il Gazometro alla finestra

e i Pistacchi nei piatti, a sorprendere ogni spaghettata

col loro aroma orientale.

 

Poi la vita travolse abitutini, Pistacchi e programmi .

 

Gli Spaghetti

cambiarono natura

per far fronte all'estate :

e il Piatto divenne l'elogio all'amato Pistacchio pestato con il Lime

su insoliti Spaghetti di Zucchine .

 

Il Mare davanti, Testaccio nei ricordi

 

Vita che và , vita che viene

 

Vita che resta

Emozione parteonopea
importata nelle taverne romane
nelle cucine del dopoguerra
quando c'era quello che si trovava
anche le briciole dentro un cassetto
Verdure
ritagli di insaccati
schegge di pecorino
tutto a nutrire montagnole di spaghetti
impastati dal giallo del tuorlo.

Silenzio sulla vita altrui.

Ed ecco che d'incanto
entrano in campo i sostituti:
Curcuma
Profumo persistente di Formaggio vegetale
Pomodorini
Scaglie di Lupino seccato e affumicato
e stralci lunghi di Zucchine
E la Magia di compie, spolverata da polvere di Pepe.
La bocca è sazia
E con lei anche il Cuore.

Maggio

tra i profumi di Sicilia

 

Foglie di Basilico pestato

semi di Pino

e Girasole

strette in danza appassionata

con spaghetti di zucchine verdi

insolenti e accattivanti

 

Il loro letto è  un prato di Rucola piccante

e Datterini rossi e Olive nere e Capperi salati

 

E intorno solo Mare

e bei ricordi